Dona

I gatti di Vernazza

In APPENA FINITO DI VISITARE, °°°CINQUE TERRE°°°, °°°FOTORICORDANDO°°°, °°°PENSIERI E PAROLE°°°, °°°TRA FIABA E REALTA'°°°, °°°UNA CAREZZA DI PAROLE°°° on 25/03/2008 at 10:25 pm

Lasciamo il giorno a quelli che hanno bisogno di facili panorami, dai quali raccogliere sensazioni di un momento che sfugge.

Sguardi rivolti a panni stesi e brezze che li sfiorano come esili dita sulle corde di violino.

dsc_0106.jpg

Loro non sanno che dalle verdi ante di rubizze facciate talvolta l’occhio osserva lo scorrere del tempo, giù, lungo
la via che portano al loro mare.
dsc_0076.jpg


Loro non sanno la nostra storia, loro alzano lo sguardo, gli basta così.

Scendono a bocca aperta ma mai completamente abbandonati all’anima che trasuda dalle crepe dei muri. Cercano un sapore o un profumo da portare a ricordo, ma tutti se ne vanno a mani vuote.

E scendono per la pietra che risale per ripiani smussati dal sale e dal passo dei pescatori di un tempo.
dsc_0080.jpg
E le loro barche più riverniciate delle loro case fanno il secondo lavoro, a ridosso del porticato, lì vicino a Santa Margherita di Antiochia
dsc_0095.jpg

E noi a strusciarci sui remi sorseggiando poi con loro il tiepido sole versato.

Oggi abbiamo scelto la rossa, sigillo alla tavolozza del pittore.
dsc_0101.jpg
Vicino all’albero di Pasqua, il mezzogiorno solletica i languori, mentre il tavolo nella locanda di un ex musicista rimane apparecchiato.
dsc_0092.jpg
Non serve fare molto, basta mantenere la posizione; qualcuno, prima o poi, ti allungherà il suo ultimo boccone.
dsc_0086.jpg

Sguardi, sguardi e sguardi ma sopraggiungerà la notte che ci riporterà i nostri odori negli angoli tra i vasi di coccio. Veglieremo sulla nostra gente lassu’ dalla torre del castello Doria e il mare ci renderà il suo taciturno sciacquio.

Perché in fondo, a noi, è così che “Vernasa” ci piace.
dsc_0070.jpg
Foto e ricordi di Vernazza – Parco Nazionale delle Cinque Terre
17 marzo 2008
Dona


  1. Felice della tua emozione, e’ stato cosi’ anche per me nel visitare questa terra
    Un abbraccio a te
    dona

  2. Mamma mia Dona! Mi hai fatto emozionare… è stato un pò come viaggiare ed essere lì e sentire il profumo dell’aria e gustarne i colori! Che meraviglia i tuoi scritti! Ti abbraccio😉

  3. *Giulia: mi hai dato quasi un’ idea: dopo le foto ricette anche i foto racconti, ma grazie!

    *Melania: si a me e’ servito molto scrivere e si e’ trasformata in una passione, talvolta anche una necessita’. Buona domenica a te.

    *Xeena: concordo con te sia per la costa che per la focaccia… io adoro tutto cio’ che di farina acqua e sale e’ impastato per cui ne ho fatto incetta.

    *Oscar: insomma Oscar… un poeta come te dovrebbe sapere che a loro tutto e’ permesso sentire e scrivere soprattutto se sono gatti!🙂

    *Mayra: non ho mai avuto modo di ammirare la costa sorrentina come del resto la maggior parte della bella Italia… dicono che c’e’ piu’ tempo che vita per cui spero di averne tanto per farlo.

    *Ma.ni: non ti devi vergognare proprio di nulla, il mondo e’ cosi’ grande che col cavolo che bastano 80 giorni per girarlo!🙂
    In ogni modo son felice che grazie al mio foto racconto potrai conservare di Vernazza questo ricordo pastello che tu hai citato e che per altro mi piace molto.

    *Ramona: Ciao Ramona, si sente tutta la nostalgia nel tuo commento e anche un pizzico di tristezza non ad essa dovuta. Ci sono, per fortuna, sempre dei momenti da ricordare che ci fanno sempbrare un po’ meno pesanti quelli che a volte sentiamo tutti sulle nostre spalle stanche. Il ricordo a me aiuta molto spero che possa dare sollievo anche a te in questo momento particolare.
    Un abbraccio forte cara amica.

    Una buona domenica a tutti e
    Forza pallavolo Sospirolo!!!
    Dona

  4. che nostalgia… le tue bellissime foto, che come sempre sanno scavare al di là della realtà, pur restandovi così strettamente agganciate, mi hanno fatto tornare indietro ad un periodo di serenità. Ho passato delle belle ferie per diversi anni alle cinque terre, e in queste foro ritrovo tutta la loro magia. Ciao!!

  5. Mi vergogno un po’ a confessarlo, ma non sono mai stato alle cinque terre nonostante le belle impressioni che i visitatori ne hanno riportato. Il tuo ricordo, come al solito, mi invoglia a scavare nei miei e mi spiace non poterne conservare uno di questo luogo pastello.

  6. cara Dona,
    sono stata una sola volta in quella terra, molto simile a quella sorrentina in Campania, di cui sono nativa… ricordo molto bele l’ampiezza del mare che sposa la luce assolata che si posa su tutte le cose, l’aria fresca anche di pomeriggio che arriva dal mare…
    grazie di questo dipinto meraviglioso, che dopo tutta questa pioggia mi rincuora e mi apre verso la primavera.
    Ti abbraccio augurandoti una Buona Ri-nascita
    Mayra

  7. Ciao Dona. Passo per un saluto e per augurarti un sereno fine settimana

  8. a dire il vero, non ho mai sentito il mare sciaquire

  9. Bellissima la costa ligure e la focaccia…

  10. Ho scritto. Per cercare di riordinare le idee. A volte serve. Fare chiarezza e riprendere.
    Ciao Dona

  11. Che bello questo racconto fotografico, sembra di essere lì con te. Giulia

  12. Cari amici, Vernazza, come un po’ tutte piccole localita’ che si trovano lungo la costa ligure di levante e che ho avuto il piacere di ammirare, ha qualcosa di magico. Ad un primo sguardo magari vien da dire :”Vista una viste tutte” come del resto ho anche da qualcuno sentito, ma per me non e’ stato cosi’. In ognuna c’e’ un piccolo angolo e un grande vissuto diverso dall’altra seppur unite dallo stesso magnifico mare e da quei poderi di ulivi e vigne chiuse come ha prontamente ricordato Flavio andando a rispolverare questa bella poesia di Vincenzo CARDARELLI e che gentilmente ci ha donato.

    un caro saluto a tutti
    Dona

  13. Sai che stavo pensando la stessa cosa? Dov’è che Dona ha trovato questo bel tempo… Bello leggerti, come sempre. Mi hai fatto fare un piccolo e piacevole viaggio. Grazie.
    Notte

  14. E’ la Liguria una terra leggiadra,
    il sasso ardente, l’argilla pulita,
    s’avvivano di pampini al sole.
    E’ gigante l’ulivo.
    A primavera appar dovunque la mimosa effimera.
    Ombre e sole s’alternano
    per quelle fonde valli che si celano al mare,
    per le vie lastricate,che vanno in su,
    fra i campi e rose, pozzi e terre spaccate,
    costeggiano poderi e vigne chiuse.
    V. Cardarelli
    Ciao Dona e grazie per i saluti!

  15. Che bel racconto illustrato. Stavo per chiederti dov’e’ che avevi trovato il sole in questi ultimi giorni da lupi, ma poi ho visto la data.
    Un caro saluto,
    Artemisia

  16. un bell’omaggio alla mia terra
    una calligrafia di stile per l’anima

    Alex

  17. meravigliose immagini, meraviglioso il modo di introdurle, raccontarle

  18. Che bello questo post, com’è semplice, reale, spontaneo.
    Complimenti.

    Rino, traslocando.

    P.s.: desideravo informarti dell’indirizzo della mia nuova casa: http://www.babilonia61.com, se vuoi puoi aggiornare il vecchio link con codesto. Grazie. Ti aspetto.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: