Dona

*Il Dottor Semmelweis – Louis Ferdinand Céline

In °°°APPENA FINITO DI LEGGERE°°° on 07/06/2008 at 10:02 pm

Una piacevole scoperta aver letto “Il Dottor Semmelweis” di Louis Ferdinand Céline.
Probabilmente sarebbe stato uno di quei libri che mai mi sarei sognata di comperare.
Guardando la copertina mi sarei ricordata il mio lavoro, non che non mi piaccia, anzi, ma di solito preferisco altri tipi di letture per il tempo libero.
E invece, trovato tra le riviste di mia madre, l’ho letto tutto d’un fiato in una sera in cui la pioggia batteva così forte che se avessi potuto le avrei abbassato il volume. Il suo ticchettio sui coppi distraeva il tuffo nel passato, tra le pagine della tesi di laurea di Céline che in certi passi sembra più poesia che scienza.
E’ poesia quando descrive l’animo gentile e buono di Ignatz Semmelweis che, armato di buoni propositi, cercando di mettere in pratica ciò che ha appreso dai suoi maestri, vuole andare oltre. Vuole capire perché a Vienna, nell’ ottocento, moltissime donne incinte morivano di febbre puerperale, una febbre di origine infettiva. E lo fa con la semplice e vigile osservazione della tangibilità e con la condivisione del dolore stesso delle pazienti
In questa ricerca Semmelweis e’ vittima di un ostruzionismo antiscientifico che rende la sua opera drammaticamente difficile in quel periodo storico come, del resto, anche il nostro presenta i suoi segnali. Gli innovatori non hanno mai avuto un cammino facile e ieri come oggi cecità politica, il conservatorismo intellettuale e le pressioni economiche ostili sono in grado di seppellire anche le scoperte più eccezionali come quella dell’ asepsi ad opera di questo martire romantico della scoperta scientifica. Martire perché invece di essere onorato in vita per questa rivelazione così rivoluzionaria per la medicina e soprattutto per la chirurgia contemporanea, egli viene perseguitato proprio per questo, deriso, emarginato fino a precipitare nella pura follia.
Tutto questo e’ stato colto in modo magistrale da Celiné che ne fa la sua tesi di laurea e non solo, ma proprio a Semmelweis segretamente si ispirerà come dott Destouches (Céline era uno pseudonimo che usava come personaggio pubblico) in tutta la sua vita di medico.
Questa edizione del 2007 contiene anche un saggio di Guido Cernetti dal titolo “Semmelweis, Céline, la morte”
Interessante sarebbe anche leggere le altre due precedenti edizioni:

1952 éditions Gallimard Paris

1975 Adelphi edizioni s.p.a. Milano

  1. *Alessio: fammi sapere se l’hai letto

    Marco: ciao e bentrovato, spero che ti possa piacere e in ogni caso, come dico sempre, fammi sapere!
    Sono passata per il tuo sito, ho trovato particolarmente interessante il racconto del tuo viaggio per vedere l’oceano, davvero una bella forza di volonta’, qualunque sia stato il motivo.
    un caro saluto a presto
    Dona

  2. Io sono ignorante: lo ammetto. Fino a ieri sera non sapevo neppure chi fosse il il Dottor Semmelweis. Stamattina non vedo l’ora di andare ad acquistare questo libro….

  3. “in certi passi sembra più poesia che scienza”

    solo per questo val la pena comprarlo, e io l’ho appena fatto. Grazie

  4. *Rino: e’ una lettura che ti puo’ prendere qualche ora per cui per nulla impegantiva ma che da’ parecchi spunti di riflessione

    *Giulia: magari se riesci a trovare l’edizione del ’75 poi mi dici com’e’

    *Mio capitano: son contenta che questo libricino abbia destato un po’ d’interesse anche in te, poi fammi sapere

    *Irish coffee: cosa stai leggendo di bello? accidenti che responsabilita’… a scatola chiusa… e se poi non ti piace?
    per il mio voto non hai da ringraziare e’ stato un piacere e poi il tuo template e’ veramente carino

    *Daniele: quando scrivo di un libro raramente do’ giudizi siano positivi o negativi ma cerco di descrivere le emozioni che mi hanno trasmesso perche’ son sempre convinta che anche dalle cose non propriamente positive si possano trarre degli insegnamenti o dei buoni segnali

    *Duccio: mi sa che andro’ a vedere di cosa si tratta… deve essere interessante per aver scatenato in te cosi’ contrastanti emozioni

    Un caro saluto a tutti
    Dona

  5. Io invece ho appena finito “Lo strano caso del cane ucciso a mezzanotte” di Mark Haddon. Ho riso ad alta voce, raramente mi accade, e mi sono commosso un paio di volte col singhiozzino sommesso, a volte mi accade!😉 duccio

  6. Ti stai brillantemente specializzando in recensioni davvero interessanti.

    Ciao
    Daniele

  7. ormai l’ho capito che abbiamo gli stessi gusti
    quindi pure questo lo compro a scatola chiusa
    e appena terminato quello che stò leggendo
    mi butto su questo🙂
    ti ringrazio per il voto lasciato da http500
    vedere persone che in realtà si conoscono poco e molte che non conoscevo lasciare un’apprezzamento fa molto piacere
    grazie infinite
    buona giornata🙂

  8. Ma che sei medico, Dona? Trovo anch’io intgeressante il libro che segnali. Ciao.

  9. Non l’ho letto, ma da quello che dici lo farò, Giulia

  10. Interessante come libro a sfondo storico, mi pare. No l’ho letto e mi piacerebbe, giacché, da cosa scrivi, parla dell”800.

    Buona domenica.
    Rino, curiosone.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: